Nozioni per l’implementazione di Strategie di Marketing per Fotografi: strumenti gratuiti e a pagamento, semplici consigli “pronti all’uso” da applicare subito.

Da cosa si inizia?

Indice dell’articolo

  1. Da dove iniziare a fare Marketing se sei un Fotografo
  2. Quale Marketing funziona per i Fotografi
  3. Come fare Campagne Pay Per Clic
  4. SEO: Parole Chiave cercate su Google
  5. Come fare Email Marketing gratis

Da dove Iniziare a fare Marketing se sei un Fotografo

Il punto di partenza di qualsiasi attività di marketing è l’analisi dei tuoi clienti. Chi sono i tuoi clienti? Cosa desiderano? Quali problemi o esigenze hanno?

A seguire vengono immediatamente i tuoi servizi, che, in parole povere, sono delle “soluzioni” in risposta a specifici problemi o esigenze dei tuoi clienti.

Solitamente i fotografi possono avere diverse tipologie di clienti:

  • coppie che si sposano e vogliono le foto per il matrimonio
  • coppie con bambini piccoli che vogliono le foto del battesimo o dei primi compleanni
  • aziende che vogliono foto per brochure o altri materiali cartacei
  • aziende che vogliono servizi fotografici per il web
  • players del settore immobiliare (agenzie, cantieri edili, architetti)
  • servizi fotografici durante eventi o manifestazioni
  • players del settore turistico: titolari di hotel, villaggi, case vacanza
  • etc etc

Sicuramente ne mancheranno alcuni, ma diciamo che nell’elenco abbiamo intercettato una buona parte dei più popolari fruitori di servizi fotografici.

Adesso cosa ci facciamo con questa divisione in “tipologie di clienti”?

Immagina di dover preparare un’offerta specifica per chi si sposa, capisci da subito che sarebbe completamente inutile parlare di questa offerta ad un’azienda che possiede un e-commerce. Ecco perché è fondamentale studiare il potenziale cliente considerando la sua appartenenza ad un gruppo di individui con interessi simili.

Adesso che li hai suddivisi in gruppi eterogenei, devi trovare cosa interessa a ciascuno di loro. Ti faccio degli esempi:

Alla coppia di futuri sposi interessa che le foto siano belle ed emozionanti, che ci sia un racconto del matrimonio e che siano stampate su carta fotografica di altissima qualità perché devono durare nel tempo.

Ad un’azienda che vende prodotti online interessa che le foto siano sì di qualità, ma che siano anche leggere in termini di spazio occupato sul sito, altrimenti si rallenta l’e-commerce e i clienti online non comprano più.

CONSIGLIO 1: dividi i clienti in base alla tipologia di esigenze.

Quale Marketing funziona per i Fotografi

Fare marketing in generale significa “fare mercato”, ossia rivolgersi ad un gruppo di persone che hanno una stessa esigenza e che sono disposte a pagare qualcuno purché soddisfi quell’esigenza.

I fotografi hanno diverse possibilità di fare marketing, diciamo che la principale differenza tra le strade da poter seguire consiste nella distinzione tra tutto ciò che si può fare offline con il “Marketing Tradizionale” e quello che invece si può fare online con il “Web Marketing“.

Il Marketing Tradizionale può essere utile per stipulare accordi di parnership con attività complementari alla tua, pensa ai wedding planner o alle web agency che realizzano ecommerce, o ancora alle agenzie immobiliari e gli architetti.

Non sono tuoi competitor ma sicuramente potrebbero essere interessati ad avere delle partnership con fotografi in grado di garantire servizi di qualità.

CONSIGLIO 2: crea una lista di tutte quelle attività commerciali con cui hai in comune la stessa tipologia di clienti, ma con i quali non sei in competizione. Contattali, presentati e cerca di trovare un accordo.

Il Web Marketing invece, a mio parere, è lo strumento migliore per sondare le molteplici possibilità finalizzate a raggiungere i tuoi potenziali clienti in maniera mirata, a partire dal tuo sito web:

  1. pagare le piattaforme pubblicitarie di Google e Facebook per avere traffico sul tuo sito di persone interessate (Pay Per Clic);
  2. pubblicare contenuti di qualità (che interessano al tuo pubblico di riferimento) e fare in modo che il tuo sito web esca in cima ai risultati di Google, sfruttando le parole chiave utilizzate dalle persone (SEOSearch Engine Optimization);
  3. sfruttare la tua lista di contatti per chiedere referenze o presentare servizi aggiuntivi che potrebbero interessare il tuo pubblico (Email Marketing).

La 1. Pay Per Clic, ti garantisce di avere traffico da subito, perché paghi per posizionare i tuoi annunci e quando le persone ci cliccano su arrivano subito sul tuo sito. E’ una tipologia di traffico web che controlli ma NON possiedi: nel momento in cui smetti di pagare finisce anche il traffico.

La 2. Search Engine Optimizzation, è più lenta perché i motori di ricerca hanno degli algoritmi molto complessi, quindi possono passare anche diversi mesi prima che una tua pagina arrivi in alto su Google. Ma anche questo non te lo può assicurare nessuno, il motore di ricerca aggiorna continuamente i suoi parametri e quindi non c’è garanzia del risultato. E’ una tipologia di traffico web che NON controlli e NON possiedi, perché non puoi decidere nè il momento in cui far arrivare le persone sul tuo sito, nè su quale pagina, nè in quanto tempo e non puoi sapere i parametri di valutazione dell’algoritmo. Però è una forma di marketing che crea valore, riempire il sito web di testi ben curati e magari creare un blog di articoli utili per il tuo pubblico potrebbe farti riconoscere come un’autorità nel tuo settore. E’ una strategia che paga nel lungo periodo.

La 3. Email Marketing, è la più efficace perché se hai una lista mail di contatti di clienti, puoi sfruttarla in ogni momento, quindi sei tu a decidere quando inviare i tuoi messaggi, e non devi pagare le piattaforme pubblicitarie. Inoltre le persone che ti hanno lasciato la propria mail ti hanno già mostrato interesse e fiducia.

CONSIGLIO 3: sperimenta quale strumento ti garantisce il miglior ritorno dall’investimento, prima di investire tutto il budget pubblicitario che hai a disposizione. Inoltre non appoggiarti esclusivamente ad uno strumento, se avessi un problema proprio relativo a quel canale, rimarresti senza traffico da un momento all’altro. Meglio diversificare.

CONSIGLIO 4: quando fai delle campagne pubblicitarie da Google, Facebook o altri strumenti, devi realizzare una pagina fatta apposta per ricevere il traffico. Si chiama “Landing Page”. E’ un errore inviare il traffico in homepage.

Come fare Campagne Pay Per Clic

Pago quindi genero traffico sulle mie pagine web. Il PayPerClic è uno strumento di marketing in grado di generare molte visite alle pagine web in poche ore. Il tempo di creare gli annunci, scrivere i testi, preparare la grafica e farli approvare dalle piattaforme pubblicitarie (Facebook Ads, Google Ads).

Il funzionamento delle piattaforme pubblicitarie di Facebook e Google è molto diverso.

CONSIGLIO 5: mettiti nei panni del tuo potenziale cliente: in che modo tu puoi soddisfare la sua esigenza? Attraverso quale canale pensi di far arrivare il tuo messaggio?

Esempio Facebook Ads per Fotografi

Su Facebook Ads si va ad intercettare una domanda “latente”, ossia di persone che non sono consapevoli di desiderare un servizio fotografico specifico.

Ma, per esempio, se vuoi vendere i tuoi servizi come fotografo per matrimoni, potresti intercettare, attraverso Facebook, persone con caratteristiche tali da farti pensare di essere in procinto di convolare a nozze. Magari si sono registrate come “fidanzati ufficialmente” da almeno 1 anno, hanno un età compresa tra i 25 e i 40 anni, etc … Ricorda anche, come ultima informazione, di basare la tua ricerca sulle aree geografiche in cui sei attivo.

*nell’immagine sopra un esempio di “pubblico potenziale da raggiungere con le inserzioni” – fonte Facebook Ads.

*nell’immagine sopra un esempio di “parole chiave da usare per gli annunci” – fonte Google Ads.

SEO: Parole Chiave cercate su Google

Tutti noi facciamo ricerche su internet. Il motore di ricerca più utilizzato in Italia è Google. Se stai cercando di farti trovare dai tuoi potenziali clienti devi fare un’analisi delle parole chiave che loro digitano. Non conta quello che tu pensi possa andar bene, contano i vocaboli che utilizzano i clienti.

Come puoi fare a conoscere queste parole?

Ci sono dei software a pagamento come “Seozoom” che ti forniscono analisi approfondite con cui di solito Consulenti SEO e “Web Agency” lavorano per proporre piani editoriali e per fare in modo che il tuo sito sia indicizzato da Google e posizionato nei risultati delle ricerche che riguardano i tuoi servizi.

Ci sono altri software gratuiti che sono in grado di fornirti una panoramica sulle ricerche che vengono effettuate e sulle parole chiave utilizzate.

Ubersuggest: suggeritore di parole chiave

Si tratta di un software online in grado di prendere alcuni dati da Google e renderli disponibili gratis. Cosa puoi trovare:

  • parole chiave con volumi medi di ricerca mensili
  • costo medio delle campagne PayPerClic
  • indicazioni sul livello di difficoltà nel posizionamento di una pagina per ogni parola chiave

Sito web Ubersuggest.org

*nell’immagine sopra un esempio di “parole chiave suggerite” – fonte Ubersuggest.

Answer the Public: intenzioni di ricerca

Si tratta si un software online in grado di mostrarti quali sono le intenzioni di ricerca legate ad alcune parole chiave, le funzioni base sono gratis. Cosa puoi trovare:

  • che domande fanno le persone su internet – legate alle parole chiave inserite
  • che preposizioni vengono utilizzate (di-a-da-per- ecc.)

Sito web Answerthepublic.com

*nell’immagine sopra un esempio di “intenzioni di ricerca” – fonte Answerthepublic.

Come fare Email Marketing gratis

L’email marketing è quell’attività che ti consente di restare in contatto con gli attuali clienti e di coltivare il rapporto con i nuovi potenziali clienti che arrivano dal sito.

In sostanza significa inviare delle email con materiali utili a chi legge, non soltanto la promozione del mese.

Per esempio una cosa utile ad una giovane coppia che sta per sposarsi potrebbe essere una breve guida su come scegliere adeguatamente il fotografo per il matrimonio, oppure un documento dove dai i tuoi consigli da fotografo esperto, o ancora una checklist delle cose da controllare nella location per foto da sogno.

In ambito business potresti scrivere una serie di consigli alle aziende che hanno un negozio e spiegare come scattare foto con il cellulare per pubblicarle sui social, senza difetti di luminosità, inquadratura, ecc.

Devi immaginare questi contenuti come qualcosa che non tolgono lavoro a te, ma aiutano il tuo potenziale cliente a risolvere un suo problema, se ci riesci sarai entrato nella sua short list tra i possibili fornitori. Quando sarà il momento potrebbe comprare da te.

In commercio si trovano molti software per inviare email, quello con cui ci siamo trovati meglio si chiama “Mailerlite” ed è gratuito fino a 1.000 indirizzi mail o 12.000 email inviate al mese.

E’ fatto molto bene sia per l’aspetto dell’usabilità del software, chiaro e intuitivo, sia per le funzioni che mette a disposizione nel piano gratuito.

Tra i servizi forniti è possibile creare una sequenza di email che partono in automatico quando si verifica una determinata azione (qualcuno sul tuo sito scarica una delle guide di cui abbiamo parlato sopra). Puoi personalizzare le tue impostazioni in modo tale che il software invii prima la guida e poi, ad intervalli programmabili, altre email con altri contenuti.

Sito web Mailerlite.com

CONSIGLIO 6: l’email marketing è uno strumento potente, ti consente di arrivare direttamente all’utente, ma devi usarlo con attenzione, non disturbare e non intasare la casella di posta dei tuoi lettori con email promozionali.

Vuoi un checkup del tuo sito?

Lascia i dati, ti invieremo un report via email

Privacy Policy

Se pensi che questo articolo possa essere utile a qualcuno che conosci, condividilo!